CONTATTI

Per informazioni sui miei lavori scrivetemi all'indirizzo ocagattolettoblog@gmail.com

ATTENZIONE: NON VENDO BANCHI DA FALEGNAME!
Quello fotografato nel post Invito in liguria del Luglio 2012 si trovava al Mercatino di Antiquariato e Modernariato di Chiavari (GE), che si svolge ogni seconda domenica del mese, e non è mai stato in mio possesso. Non inviatemi e-mail con offerte di acquisto.

mercoledì 17 agosto 2011

Pesche sciroppate

   Abitare in campagna significa anche ricevere quotidianamente in regalo, da parte di genitori, parenti e vicini, la produzione sovrabbondante di frutta e verdura. Questa volta ci è arrivata una cassetta di pesche meravigliose, profumate e non troppo mature: praticamente un tesoro per chi ama le pesche sciroppate, e i miei figli ne vanno matti, in particolare Andrea.




   Dopo averle lavate, sbucciate e affettate in grossi pezzi, le ho messe nei vasi di vetro con alcune cucchiaiate di zucchero, sia di canna che bianco. Niente altro: lo sciroppo si forma durante la sterilizzazione (40 minuti di bollitura dei vasi ben chiusi e immersi completamente in acqua, separati da alcuni strofinacci per evitare rotture; inizialmente i vasi tenderanno a galleggiare, ma quando l'aria sarà fuoriuscita rimarranno sotto il livello dell'acqua).
   Per chi desidera una maggiore quantità di sciroppo, che si può usare, tra l'altro, per bagnare una torta, è possibile prepararlo a parte con 1 litro d'acqua e 400 grammi di zucchero e versarlo sulle pesche al posto dello zucchero semplice prima di chiudere i barattoli.



   Una delle merende preferite dai miei figli.

1 commento:

  1. Tutto molto interessante Barbara,per un "cuoco"
    come me....soltanto dovrò attendere la stagione adatta...salutoni,Lucio

    RispondiElimina

Lasciate un segno del vostro passaggio... Basta anche un salutino, se non siete in vena di ciarle.

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...